La distorsione di caviglia è l’infortunio più comune a carico di questa articolazione. Ma come si valuta il completo recupero prima di ritornare all’attività sportiva? Esistono parametri in grado di verificarlo?

Un programma riabilitativo adeguato, in seguito a distorsione di caviglia, è importante non solo a garantire un rapido ritorno allo sport ma anche ad evitare che rimanga una disabilità dell’articolazione della caviglia, nota come “chronic ankle instability“.
Sappiamo inoltre che chi ha già subito una distorsione di caviglia è più a rischio di recidiva, dovuto ad una ridotta stabilità e capacità propriocettiva.

Per valutare quindi il ripristino della funzionalità articolare – e la buona riuscita di un programma di recupero – abbiamo individuato due indici fondamentali: la propriocezione e l’indice di reattività.

La propriocezione riguarda il senso di posizione e di movimento degli arti e del corpo, indipendentemente dalla vista. L’indice di reattività si riferisce invece all’elasticità dei tessuti e alla loro capacità di immagazzinare e rilasciare forza elastica.

Grazie ad adeguati strumenti tecnologici* possiamo oggi valutare questi parametri in modo accurato ed obiettivo.

Propriocettività

Per valutare la propriocettività utilizziamo un test di equilibrio su un solo arto. Con l’utilizzo di un accelerometro posizionato all’altezza del passaggio lombo sacrale (L5-S1) il soggetto infortunato mantiene l’equilibrio per una durata di 30’’. Al termine del test i dati raccolti ci forniscono il movimento compiuto dal bacino, disegnando un ellissoide immaginario nello spazio nel quale si è mosso. Minore sarà l’area dell’ellissoide e maggiore sarà la stabilità della nostra articolazione.
Il test diventa maggiormente significativo se effettuato ad occhi chiusi.

Indice di reattività

Per valutare l’indice di reattività, sempre con l’utilizzo del sensore inerziale sopra descritto, il soggetto effettua alcuni salti ripetuti su un solo arto. L’obiettivo è piegare il meno possibile il ginocchio utilizzando esclusivamente la propulsione della caviglia e la sua elasticità per effettuare i salti.

Case report

Prendiamo ad esempio un caso studio presentatosi presso il nostro centro.

A seguito di una distorsione durante una sessione di trail running, il paziente si presenta con l’obiettivo di migliorare la stabilità della caviglia e diminuire la sensazione di dolore durante la corsa.

Decidiamo di effettuare il test sulla propriocettività e sull’indice di reattività sopra descritti, prima e dopo lo svolgimento dell’iter riabilitativo.

Osserviamo la differenza tra i dati pre- e post- evidenziati in rosso.

 

propriocettività

Come evidenziano i risultati dei test si nota un significativo miglioramento a livello propriocettivo, evidenziato da una riduzione dell’area dell’ellissoide. Anche l’indice di reattività presenta un miglioramento in entrambi gli arti in quanto il lavoro di riabilitazione e rinforzo è stato svolto su entrambi con particolare attenzione a quello deficitario.

Secondo la nostra esperienza la valutazione di questi due parametri tramite la tecnologia baiobit* – unitamente al feedback positivo dato dal paziente – ci porta a considerare questa metodologia di valutazione come criterio attendibile di un completo recupero dall’infortunio e di ritorno allo sport.


Prevenzione e return to sport

Ai fini preventivi un allenamento neuromuscolare può essere in grado di ridurre lesioni all’articolazione. In caso di lesione invece il tempo necessario per il return to sport dipende da diversi fattori, tra cui la gravità della lesione e la validità del protocollo riabilitativo.
Il nostro consiglio è di proseguire con un programma di riatletizzazione anche dopo il ritorno in campo poiché alcuni deficit possono comparire solamente in condizioni di affaticamento muscolare.

 

* Tecnologia a supporto del terapista per la valutazione e l’esercizio terapeutico, frutto della ricerca e sviluppo di BTS Bioengineering che da oltre 30 anni è leader nella tecnologia per l’analisi del movimento.

 

a cura del dott. Luca Giachino
www.reaction-hub.com